Pubblicazione su settimanale Mio – rubrica MIO-tech del 16/05/2018

Dalla versione personale a quella aziendale, moltissime persone per limitare i costi del viaggio mettono a disposizione la propria auto ed offrono un posto

IL CAR POOLING O L’AUTOSTOP? OFFRIRE UN PASSAGGIO, MA PER RISPARMIARE

Fiducia e volontà di socializzare con nuove persone sono alla base del nuovo modo di usare l’auto. Si parte per ridurre i costi e alla fi ne si arriva a destinazione con un amico

I concetti di “car sharing”, “car pooling” e “ride sharing” vengono spesso confusi tra loro. Come ogni nuova parola, questi concetti sono frutto della risposta a specifi che esigenze di mobilità e della progressiva importanza che l’economia collaborativa sta assumendo. Ecco quindi la necessità di fare un po’ di chiarezza.

COSA È IL CAR POOLING
In particolare il “Car Pooling” potrebbe essere paragonato al buon caro e vecchio autostop. Niente più pollici all’insù però, nè lunghe attese ai bordi della strada. Come ogni cosa al giorno d’oggi anche questa si è trasformata ed è diventata digital! Il concetto di base rimane lo stesso ovvero utilizzare una sola autovettura, con più persone a bordo, per compiere uno stesso tragitto. Ma le modalità per entrare in contatto e richiedere il passaggio sono molto diverse. Vengono infatti utilizzati siti web e App specifi che, la più famosa di tutti è Bla Bla Car. Attraverso questa piattaforma i conducenti possono inserire un annuncio per offrire un passaggio a fronte di un contributo alle spese. Per esempio, potete inserire come punto di partenza il parcheggio vicino casa vostra e come arrivo la città dove vivono i vostri genitori, se è lì che dovete andare. Bla Bla Car esclude la possibilità che si possa confi gurare un guadagno, facendo sì che vengano esclusivamente utilizzate risorse che altrimenti andrebbero sprecate ovvero i posti liberi in auto. Entrando nel sito o nella App dedicata, si possono ricercare tantissime offerte di passaggi, in tutta Italia e con tantissimi tragitti diversi e la relativa spesa da sostenere. Ma cosa ci spinge veramente a chiedere od offrire un passaggio?

IL RISPARMIO
Tra le varie leve che spingono gli utenti ad utilizzarlo, la più importante è sicuramente il risparmio: il prezzo totale del viaggio infatti, (solitamente benzina e casello se c’è) è diviso tra i vari viaggiatori ed è di gran lunga più basso rispetto ad un biglietto singolo del treno o dell’aereo.

LA SICUREZZA
Secondo aspetto non meno importante è la sicurezza: il sistema di Bla Bla Car per esempio, mette a disposizione oltre che la creazione di un
profilo dettagliato di chi offre il passaggio, anche la possibilità di vedere le recensioni degli altri utenti che hanno già viaggiato con la persona in questione. Viceversa anche chi offre il passaggio può controllare il profi lo dell’utente che lo richiede e decidere se accettarlo oppure no.

IL FUTURO
Un sistema ben organizzato e che sta continuando a crescere in Italia, come riporta Massimo Ciuffi ni coordinatore tecnico dell’Osservatorio nazionale Sharing mobility:
“Il Car Pooling in Italia va bene ma crediamo che abbia ulteriori possibilità di crescita”. Soprattutto, aggiunge, “quello del Car Pooling aziendale è un segmento promettente”. Ma torniamo a noi, se siete anche solo un po’ curiosi e volete sbirciare costi e modalità d’uso, potete farlo in questo modo, suggerito nella pagina accanto.

IN SOLI TRE CLIC SI PASSA DAL PC AL SEDILE

1) Andate sul sito web wwww.blablacar.com e inserite il luogo da dove volete partire, dove volete arrivare e la data in cui volete cercare il passaggio.

2) Cliccate “Trova un passaggio“ et voilà, a voi la scelta. Potete scorrere la pagina e scegliere tra decine di offerte, filtrare per orario o prezzo, visualizzare i posti ancora disponibili, controllare il punto d’incontro con il conducente e quello dove verrete poi lasciati a fine passaggio.

3) Per ogni passaggio c’è poi una scheda dedicata, dove potrete vedere i vostri futuri compagni di viaggio, i dettagli e le indicazioni date dal conducente, le varie tappe del viaggio, le recensioni, la spesa da sostenere e prenotare il vostro posto. La vostra quota verrà trattenuta inizialmente da Bla Bla Car che, solo dopo il vostro ok dato a passaggio avvenuto, effettuerà l’addebito dei costi al conducente dell’auto.

IN ARRIVO ANCHE PER LE AZIENDE

Ebbene si, esiste anche il Car Pooling aziendale: se pensiamo alle grandi fabbriche o le grandi città italiane, le possibilità di trovare più persone che devono andare nella tua stessa direzione sono davvero molto alte. Questo emerge dalle stime fatte da Jojob, uno dei maggiori player sul mercato italiano aziendale, che ha utilizzato la propria base dati di 140mila dipendenti e di oltre 1.700 aziende di tutta la penisola. Nel suo rapporto Car Pooling aziendale riferito allo scorso anno, emerge che i lavoratori che lo scelgono sono cresciuti del 199%, passando in un anno da 20.000 a 59.738. I viaggi condivisi sono aumentati del 177%, per un totale di 1.714.120 chilometri risparmiati (+164% sul 2016). Le ricadute positive sono anche sull’ambiente con 222.835 chili di CO2 in meno in atmosfera.

Scrivi a mio@intraweb.it per l’argomento che ti piacerebbe approfondire. Ispiraci!