Pubblicazione su settimanale Mio – rubrica MIO-tech del 28/03/2018

Pedalare non è mai stato così importante, divertente ed economico allo stesso tempo: scopri i tanti servizi per affittare le due ruote presenti nei tuoi luoghi

BIKE SHARING: IL MODO PIÙ SMART ED ECOLOGICO PER SPOSTARSI IN CITTÀ

Finalmente puoi realizzare il tuo sogno di andare sulle due ruote fino al lavoro o ovunque tu voglia! Scopri un modo semplice e soprattutto green di muoversi

La bicicletta è sempre stato il modo migliore per esplorare una città nuova. Rispetto agli altri classici mezzi da turisti come autobus, taxi o metropolitana si ha una serie di vantaggi come il costo ridotto, la possibilità di parcheggiare ovunque ed ovviamente anche benefici fisici: potete godervi tranquillamente il cibo locale senza aver paura che vi rimanga sui fianchi – con la bicicletta si smaltisce tutto! La bici è anche uno dei migliori mezzi di trasporto per i pendolari: a chi non piace evitare il traffico e fare un po’ di fitness prima e dopo una lunga giornata in ufficio?

Spostarsi con la propria bicicletta però a volte può comportare anche degli svantaggi: bisogna avere una certa manualità quando ha bisogno di riparazione e nel caso di maltempo, infilare la bicicletta in metro o su un autobus non è esattamente il massimo della comodità. In questi casi la migliore soluzione può essere il bike sharing.

IN COSA CONSISTE IL SERVIZIO 

Il Bike Sharing (la cui traduzione è “condivisione della bicicletta”) è un servizio che è nato in Europa già da un bel po’, esattamente negli anni ‘60, ma la vera diffusione avviene solo negli ultimi 15 anni con lo sviluppo dei sistemi informatici che hanno garantito un modo facile e veloce di fare p a g a m e n t i e ritirare le biciclette in autonomia. Il servizio di Bike Sharing si può dividere in due tipologie: vediamo come!

<hr>

 SISTEMA DOCKED (SENZA APP)

Nel sistema docked le biciclette sono installate nelle stazioni fisse in diversi punti della città. Una volta prese, devono essere riposizionate sempre e solo in una delle stazioni addette. Queste bici possono essere sbloccate ed utilizzate con una chiave ovvero una tessera contactless (in questi casi l’utente deve registrarsi presso un centro dedicato) o attraverso un dispositivo installato direttamente in prossimità della stazione. Potrete scegliere tre tipologie di abbonamento: 1) Annuale a 36,00€ – 2) Settimanale a 9,00€ – 3) Giornaliero a 4,50€.

COME FUNZIONA

Se siete in possesso di un abbonamento annuale posizionate la tessera sulla colonnina presente in ogni stazione BikeMi altrimenti per gli altri abbonamenti basterà digitare codice utente e password fornito. Seguite le istruzioni che vi appariranno sulla schermo fino a che non vi verrà indicato il numero di posteggio della bicicletta che potete prelevare. Raggiungete la vostra bici, alzatela leggermente e partite.

<hr>

 SISTEMA DOCKLESS O FREE FLOATING (CON APP): PRENDILA DOVE VUOI

Ultimamente in Asia e in Europa sta prendendo piede anche il sistema dockless o free-floating (a flusso libero) e tra i servizi più diffusi abbiamo Mobike e Ofo da poco sbarcati anche a Milano e Firenze. Il principale vantaggio rispetto al bike sharing tradizionale, è che gli utenti del servizio possono prendere e lasciare la bici dove vogliono (purché non intralci il traffico di pedoni e auto) senza aver bisogno di raggiungere una delle stazioni dedicate.

COME FUNZIONA

Per poter usare uno di questi servizi basta installare l’App per lo smartphone, Mobike o Ofo e creare un account a cui viene associata la carta di credito. Una volta aperta, l’App presenta una mappa che mostra la posizione delle bici più vicine. Cliccando sopra la posizione la bicicletta può essere prenotata per 15 minuti. Quando invece siete nei pressi della bici, cliccando su “sblocca”, viene aperta la fotocamera del telefono e inquadrando il QR code presente sulla bicicletta in questione, questa viene sbloccata. In alternativa potete inserire manualmente il numero presente sul telaio la bicicletta. Per lasciare la bicicletta non dovete fare altro che chiudere il lucchetto presente solitamente sulla ruota posteriore e la corsa sarà terminata in automatico addebitando il costo direttamente sulla vostra carta di credito.

 

NON SOLO BICI: NEL CENTRO DI MILANO DEBUTTA IL SERVIZIO DI SCOOTER SHARING! 

Se il Bike Sharing non vi basta ma volete rimanere leggeri (ed ecosostenibili) potete considerare MiMoto: si tratta di un nuovo servizio di noleggio made in Italy che si basa sulla filosofia free floating ma applicato ai motorini elettrici. Il metodo di utilizzo rimane lo stesso: si scarica l’app che una volta aperta geolocalizza gli scooter più vicini, per prenotarne uno bastano pochi click e a corsa terminata, il mezzo può essere lasciato ovunque (o quasi: il servizio opera all’interno di un’area operativa che comprende il centro di Milano e le principali zone di interesse).

Scrivi a mio@intraweb.it per l’argomento che ti piacerebbe approfondire. Ispiraci!